Thursday, September 17, 2009

E se nessun politico andasse più da Vespa?

Il segretario del Pd Franceschini ha rinunciato a partecipare alla trasmissione di Vespa "Porta a porta", per non coprire con la sua presenza l'operazione-spot andata in onda l'altra sera. Anche Di Pietro, in qualche modo, ha rinunciato a presenziare per ora e per il futuro.

Ma che succederebbe se i politici di centrosinistra rinunciassero in blocco a sedere su quelle poltrone bianche, dove spesso anche loro sono stati vezzeggiati e coccolati? Che succederebbe in par condicio, quando è obbligatorio un equilibrio tra le parti politiche?

Si otterrebbe un grande risultato: nessuno andrebbe in tivvù e il pubblico, per informarsi, dovrebbe cominciare a leggere i giornali, a leggere internet, a farsi un'opinione in modo più autonomo. Se poi questa rinuncia si estendesse anche agli altri programmi (perché il solo Vespa?), allora conquisteremmo quella sobrietà che da tempo è andata perduta. E forse i giornalisti della tv, pubblica e privata, si impegnerebbero di più nelle inchieste e nella ricerca dei fatti. In fondo un'intervista al politico è sempre una facile scorciatoia.

5 comments:

Uyulala said...

Non lo so, Alessandro. Ho invece l'impressione che il centro-destra troverebbe un'ottima motivazione per aggirare la par condicio. Sai: "noi volevamo il dialogo ma sono loro che lo hanno rifiutato"...

In fondo hanno fatto di peggio.

aelred said...

beh, conoscendo Vespa non so se lui se la sentirebbe di violare la par condicio...

Uyulala said...

Forse subito subito no. Ogni conquista si raggiunge a piccoli passi...

Anonymous said...

Sarebbe davvero uno scenario interessante, soprattutto perchè dimostrerebbe che la sinistra è in grado di definire una linea di comunicazione organizzata. Però io penso che il personalismo e il protagonismo dei politici di sinistra siano talmente forti che ci sarà sempre il deputato TAL DE' TALI più o meno sconosciuto che pur di ottenere un minimo di visibilità non seguirebbe la strategia. Come risultato si otterrebbe una rappresentazione dei politici di sinistra in TV ancora più scadente (semmai sia possibile!). E poi sono anche convinto che, se davvero tutti i politici di sinistra disertassero la TV, Berlusconi modificherebbe le leggi sulla PAR CONDICIO per poter andare in onda comunque, perchè il popolo italiano ha diritto ad una informazione "giusta e obiettiva".

Christian

aelred said...

fatto!