Thursday, October 04, 2007

Nozze in articulo mortis, inganno pietoso

Alla fine, come era chiaro dal primo momento, è morto Lorenzo D'Auria, il giovane militare del Sismi rapito in Afghanistan e liberato da un assalto dei militari britannici. Al lutto per la sua morte non si aggiungerà, almeno stavolta, l'oltraggio di una compagna - madre dei suoi tre figli - cui sarebbe stato negato qualsiasi status legale (dalla presenza al funerale fino alla pensione e al risarcimento pubblico) per il solo fatto di non essere sposata.

La soluzione, però, non è arrivata da una legislazione moderna e civile sulle convivenze o sui Pacs, ma da un vecchio istituto religioso rispolverato in uno spirito di carità. Il militare, infatti, già ferito gravemente e tenuto in vita solo dalle macchine ospedaliere del Celio, e la sua compagna Francesca sono stati uniti in matrimonio da un sacerdote sul letto dell'ospedale.

Niente in contrario, per carità, anzi esprimo sollievo per un escamotage che evita ulteriore sofferenza e persino umiliazioni. Ma due persone che convivono da anni e insieme hanno generato tre figli non dovrebbero avere bisogno di un sacerdote chiamato in exremis per vedere riconosciuti i propri diritti.

7 comments:

Moebius92 said...

Incredibile!!!
Sono in coma ed altri decidono per me!!
Ma se avessi voluto decidere, da solo, di impedire l'accanimento terapeutico?? Nessuno avrebbe potuto decidere per me!!
Che schifo!!
I preti decidono quel che vogliono di noi in nome di una persona che non è mai esistita!!
Incredibile ma vero!!
www.yeshua.it
www.luigicascioli.it ecc. ecc.
P.S.: Con tutto il rispetto e l'apprezzamento per il lavoro svolto per conto (?) del paese Italia, ma un agente del servizio segreto militare, indossa una divisa??
Non mi,ci, facciano ridere!!!

al said...

"Ma due persone che convivono da anni e insieme hanno generato tre figli non dovrebbero avere bisogno di un sacerdote chiamato in exremis per vedere riconosciuti i propri diritti."

Hai messo perfettamente a fuoco il problema.
a "fuoco" amico.

inquilina g said...

Ma non dovrebbe andare ai figli la pensione?

aelred said...

a entrambi, inquilina
ma se ci sono coniuge e figli (minori) ricevono una parte più consistente.
se ci sono solo i figli, si perde quasi metà della pensione

AnelliDiFumo said...

Vedo che non avete seguito il dibattito sul mio blog:
http://anellidifumo.ilcannocchiale.it/post/1631301.html

A quanto pare il matrimonio in articulo mortis non è riconosciuto dallo Stato italiano.

Che poi sia un escamotage attraverso il quale il ministero della difesa, ossia lo stato, riuscirà cmqe a dare qualche giusta prebenda alla signora e ai figli, è quello lo scandalo. Tutto questo lo si fa in nome del fatto che le unioni civili sarebbero immorali, capito?

AnelliDiFumo said...

Ciccio, rimetti il carattere più grande, mica vorrai farmi cecare?

inquilina g said...

La "pensione", poi. E chi ce l'ha più la pensione?