Thursday, August 16, 2007

Agapo, per genitori che vogliono curare i figli gay

No non è l'Agedo, che conosciamo benissimo e apprezziamo. Si chiama Agapo, un'imitazione blasfema che nasconde un obiettivo tremendo, ammantandolo di compassione: curare i gay e farli diventare etero.

Come qualcuno ricorderà qui ci siamo occupati ripetutamente di personaggi come Chiara Atzori, il professor Nicolosi e le loro associazioni, Progetto Chaire, il Narth, i seminari Living Waters. Ecco: tutti questi, e altre realtà del genere, sono citate e consigliate dal sito di questa fantomatica associazione italiana - Agapo, appunto - che si rivolge ai genitori di figli gay. Ma attenzione: non parla di gay, bensì di
una persona cara interessata dal problema dell’attrazione verso lo stesso sesso (SSA – Same Sex Attraction)
Un problema molto serio, si intende, ma che può essere affrontato e superato, diventando ex gay (non eterosessuali, proprio ex gay) se ci si affida ai terapeuti proposti da Agapo. Siamo a un passo dal nazismo, anzi ci siamo completamente dentro.
l’Associazione ritiene importante che venga riconosciuta la frequente sofferenza delle persone con SSA e dei loro familiari, senza che questa venga negata e nascosta dietro una generale banalizzazione dell’omosessualità.
Prima di tutto i gay vengono "medicalizzati", negando loro una dimensione affettiva e di relazione e presentandoli alla stregua di malati con una patologia da curare, con un nome inquietante Ssa. Poi si parla della sofferenza, che lo sappiamo tutti è provocata proprio da questa omofobia diffusa e dall'incapacità di molti - specie chi ha una visione religiosa della vita - di accettare l'orientamento sessuale altrui.

Questi personaggi rivestono di belle parole e di pietismo i loro progetti che sono distruttivi: cancellare l'omosessualità ed estirparla dalle persone, se necessario anche con terapie dolorose e invasive. Ma soprattutto inutili.

5 comments:

AnelliDiFumo said...

Beh quando fondiamo un'Associazione nemici e parenti degli omofobi? Potrebbe chiamarsi Anpo e potremmo sostenere dei corsi di recupero a base di cross-dressing e sesso anale con sex toys. :-)

Ma lei! said...

E invece un' associazione che curi i genitori!No?

TheQueer said...

Abbiamo lanciato una campagna di protesta: La mia famiglia è differente.

La descrizione della campagna e in questo post (http://www.queerway.it/dblog/articolo.asp?articolo=444)

Spero che anche tu voglia aderire, attraverso l'invio dell'email oppure mettendo il banner sul tuo sito.

Anonymous said...

Hi there, I begin your blog via Google while searching in the course of earliest goad representing a pluck engage in battle and your ice looks straight up captivating after me

Anonymous said...

xanax no prescription order xanax online reviews - alprazolam online australia