Thursday, November 09, 2006

Addio, Alma socialista

In questi giorni, fra elezioni negli Stati Uniti e World Pride annullato a Gerusalemme, non ho avuto tempo di ricordare come meritava una donna politica di cui la sinistra italiana avrebbe estremamente bisogno, specie ora con la prospettiva del Partito democratico.

Il 7 novembre è morta a Milano, a soli 58 anni, Agata Alma Cappiello, già pasionaria socialista, fino all'ultimo al fianco di Craxi, ma soprattutto vera socialista, che negli ultimi tempi era entrata nei Ds per salvare la storia e la tradizione del socialismo italiano.

Per chi non lo sapesse nel 1988 (!) alla Camera dei deputati, l'onorevole Alma Cappiello presentò la prima proposta di legge sul riconoscimento delle coppie dello stesso sesso.

E fino all'ultimo, come si legge nella lettera di adesione ai Ds, la Cappiello ribadì le sue convinzioni
Altro motivo di adesione è la condivisione dei principi su cui deve basarsi l’agire di un movimento riformista, nonché i valori sui quali laicamente “l’anima” dei riformisti deve fondarsi.
Credo anch’io che il movimento socialista riformista debba partire proprio dal concetto di individualità che non appartiene solo alla cultura liberale ma che è, invece, anche fortemente patrimonio socialista di Turati ed ancor più della Kuliscioff, entrambi bene attenti a distinguere nelle classi sociali gli individui…
È da questa doppia radice che da un lato vanno rilanciati i diritti individuali, cioè il diritto di ciascuno di noi ad essere artefice del proprio progetto di vita, liberi finalmente, uomini e donne, dai condizionamenti naturali e sociali e dall’altro vanno contemperati questi diritti alle esigenze della collettività. È questa la prospettiva di cui deve nutrirsi l’humus dei riformisti… (...)
Nasce da qui la tensione dei riformisti verso una politica etica, una politica di valori, che si esprima attraverso un pluralismo di valori, quali la lealtà, la scelta responsabile, la ricchezza della diversità, le politiche di pari opportunità, la solidarietà intesa come reciprocità tra pari.

Addio, Alma.

No comments: