Wednesday, March 01, 2006

Boselli: sì ai matrimoni dello stesso sesso

«Non sono contrario ai matrimoni gay. Ci sono in tanti Paesi europei. Stiamo lottando per introdurre in Italia quei diritti civili minimi per non far sentire cittadini di serie B un milione e mezzo di italiani che hanno deciso di vivere insieme e di amarsi».

Come volevasi dimostrare: dovevamo aspettare un uomo politico socialista, come Zapatero come Schroeder, per sentire queste parole in Italia. Anzi, per sentirle davvero bisogna aspettare questa sera, alle 23:55, quando su Rete 4 andrà in onda L'Antipatico di Maurizio Belpietro.

Nell'intervista tv che andrà in onda oggi, Enrico Boselli, segretario dello Sdi e tra i fondatori della Rosa nel pugno, ha difeso i diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali e ha rivendicato la laicità dello stato.
Intanto, invece, i Ds in Veneto hanno deciso di candidare Alessandro Zan - il responsabile Pacs dell'Arcigay - solo al 20esimo e ultimo posto della lista. Non solo impossibile essere eletti, ma neppure un valore simbolico.

4 comments:

disorder said...

Quindi riepilogando:
-Lo SDI non è contrario in principio al matrimonio per tutti, non lo propone subito per realismo politico ma è perentorio nella richiesta di Pacs subito.
-Il PDCI è favorevole in teoria al matrimonio per tutti (che fa tanto massimalismo), ma nella pratica neanche il Pacs è una priorità per loro (come non lo è per RC e Verdi).
-La maggior parte dei dirigenti DS a domanda si dichiara lontana e schifata da ogni "deriva alla Zapatero", sostenendo però di voler comunque tutelare le norme di fatto: sì, affidandosi alle tutele scelte dalla Margherita.

Ho schematizzato troppo?
Viva Zapatero (che in Italia è ancora ben lontano...)

PS. Zan mi sembra molto preparato, mi spiace per lui che si presti a una strumentalizzazione del genere.

AnelliDiFumo said...

Se io fossi in Zan o in Grillini mi domanderei il senso di questi loro risultati: Grillini spostato dalla sua rossa città prima al 18° e poi all'8° posto a Milano, dove è molto + difficile essere eletto, e Zan in fondo alla lista.

Forza ragazzi, un minimo di dignità. Uscite dai Ds.

AnelliDiFumo said...

Se io fossi in Zan o in Grillini mi domanderei il senso di questi loro risultati: Grillini spostato dalla sua rossa città prima al 18° e poi all'8° posto a Milano, dove è molto + difficile essere eletto, e Zan in fondo alla lista.

Forza ragazzi, un minimo di dignità. Uscite dai Ds.

aelred said...

Non è lo stesso, Sciltian. con la nuova legge i ds avranno più deputati di prima in Lombardia e meno in Emilia. Così a Grillini va bene; peggio è per Zan